Riserva Naturale dell’Alto Merse: natura e storia.

Destinatari

Scuola Primaria, Scuola Secondaria di Primo Grado, Scuola Secondaria di Secondo Grado

Finalità

  •  Spiegare ai ragazzi il concetto di “territorio” nel suo insieme: farli rendere conto dell’unicità di un luogo plasmato da un’azione umana secolare e lungimirante: perché una volta la sostenibilità era connaturata nella vita degli uomini, e ora non lo è più.
  • Far toccar con mano la bellezza dei luoghi, dovuta ad un uso “legato al territorio”: icontadini lasciavano le siepi perché la fauna vi trovava rifugio, e quindi si poteva ancheandare a caccia, negli stessi luoghi. Il taglio del bosco veniva attuato da chi risiedevanel luogo, e quindi aveva interesse che il bosco continuasse a vivere; ecc.
  • Far capire ai ragazzi che se l’agricoltura e l’allevamento sono fatti in modo naturale, per un consumo locale, vivranno meglio sia i consumatori, sia i produttori, sia gli animali da allevamento, sia la fauna selvatica.
  • Farli rendere conto del valore del paesaggio (storico, culturale, economico e di benessere) e stimolarli a un impegno nella difesa di un bene universale. 

Descrizione:

Passeggiata dalla Colonna di Montarrenti al Castello di Spannocchia, passando dall’Eremo di Santa Lucia (eventualmente anche dal Ponte della Pia, se il tempo lo permette). Il primo tratto è pianeggiante, ma se nel Merse c’è molta acqua si deve utilizzare un paio di “guadi” costruiti dal Servizio Riserve Naturali. Dopo l’eremo di S. Lucia, la salita nel bosco è molto ripida, benché “facilitata” da scalini in legno e ringhiere. E’ comunque impegnativa, e necsessita di scarponcini e prudenza. Si tratta di un tratto di bosco con moltissimi alberi enormi, secolari, dalle formebellissime, che permette l’approfondimento di molti aspetti di una gestione attentadel bosco e dei cicli naturali.

Arrivati al Castello di Spannocchia, la vista sulla cava,sulla Colonna di Montarrenti e sull’alta Val d’Elsa permettono di fare molte valutazionisull’uso del territorio da parte dell’uomo, nel corso dei secoli e negli ultimi anni. Sicosteggia poi tutta la tenuta di Spannocchia, e si ridiscende in un paesaggio aperto esu una strada agevole.

 Altre informazioni :

Indispensabili scarponcini. Se si ha il binocolo vale la pena portarlo. Consigliata la macchina fotografica.Al massimo una classe per volta.

Dove: Riserva Naturale dell’Alto Merse: dalla Colonna di Montarrenti al Castello di Spannocchia.

Durata: 3-4 ore (adattabile sec. richiesta)

NB: L’Ecomuseo offre laboratori di ampliamento, da svolgere in classe

Costo: 120-160 €/classe (secondo durata)


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ab0z

Please type the text above:

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>